Dove: Milano Villapizzone.

Destinatari: minori

Periodo: marzo 2021 – febbraio 2022

Status: in avvio

Con il contributo di

logo-ricetta-qubi_milano

In Italia sono 1.292.000 i minori che vivono in povertà assoluta: significa non accedere a beni fondamentali per crescere. QuBì – La ricetta contro la povertà infantile è un progetto che intende realizzare una fotografia della povertà nella città di Milano, in modo da poter meglio indirizzare gli interventi e sostenere le famiglie in difficoltà. Favorire l’emersione della capacità di risposta dei diversi soggetti del territorio e promuovere il rafforzamento di reti collaborative per ricomporre e potenziare le risposte, pubbliche e private. Incentivare la collaborazione tra il terzo settore e i servizi sociali del Comune di Milano per costruire percorsi condivisi di intercettazione, ascolto dei bisogni e di alleanze con le stesse famiglie, con l’obiettivo di migliorarne le condizioni di vita.

Il progetto QuBì Villapizzone mira alla promozione e alla cura delle persone, delle comunità e degli spazi. Sostiene lo studio dalle elementari alle superiori come investimento per le future generazioni. Attua proposte di attività fisica all’aperto e di animazione  e accesso diretto alle risorse del territorio e alle istituzioni. I destinatari sono famiglie con minori e minori del territorio del  quartiere di Villapizzone.

Puoi sostenere le nostre iniziative:

* Tramite Bonifico Bancario intestato a Mondo di Comunità e Famiglia
Piazza Villapizzone, 3 20156 Milano
IBAN: IT28H0501801600000011169729

*Organizzando una cena / un evento di raccolta fondi, contattaci a: progetti@comunitaefamiglia.org

*Proponendoti come volontario e scrivendo a: mcfsegreteria@comunitaefamiglia.org

AGEVOLAZIONI FISCALI
Ti ricordiamo che tutte le donazioni a favore di “Mondo di Comunità e Famiglia” sono fiscalmente deducibili o detraibili secondo i limiti indicati dalla legge, purché siano effettuate attraverso bonifici bancari, assegni circolari o bancari intestati a “Mondo di Comunità e Famiglia” recanti la clausola “non trasferibile”.
Al fine della dichiarazione dei redditi, è necessario conservare la conferma di pagamento (ad. es. la contabile del bonifico, o l’estratto conto del proprio conto corrente, etc.).